Contributi per la scuola (Pacchetto Scuola)

Informativa generale

Si comunica agli interessati che, per l'a.s. 2022/2023, le tempistiche relative al beneficio "Pacchetto

Scuola" subiranno delle modifiche, come da indicazioni della Regione Toscana.

Pertanto, l'adozione del bando per la richiesta del beneficio da parte dei Comuni è prevista presumibilmente

dalla fine del mese di Agosto, salvo ulteriori comunicazioni in merito da parte della Regione Toscana.


Ogni anno viene attivato il "pacchetto scuola".  Si tratta di un contributo economico rivolto agli studenti iscritti a una scuola secondaria di 1° e 2° grado, statale, paritaria privata o degli Enti locali.


I termini di presentazione variano ogni anno.


Il beneficio è richiesto da uno dei genitori o da chi rappresenta il minore o dallo stesso studente se maggiorenne.


Possono chiedere detto beneficio economico anche i genitori dei bambini che hanno appena terminato il ciclo della primaria e che sono iscritti per l'anno scolastico alla prima classe della scuola secondaria di 1° grado (media)


Requisiti:

- economici : attestazione ISEE del nucleo familiare di appartenenza dello studente o ISEE minorenni nei casi previsti, calcolato secondo le modalità di cui alla normativa vigente, non superiore all’importo di euro 15.748,78;

- anagrafici : residenza nel Comune di Cavriglia, età non superiore a 20 anni (da intendersi sino al compimento del 21esimo anno di età, ovvero 20 anni e 364 giorni). I requisiti relativi all'età non sono necessari per gli studenti diversamente abili, portatori di handicap (art. 3 comma 3 Legge 104/1992) o con invalidità non inferiore al 66%.


Il "Pacchetto scuola" può essere utilizzato per:

- acquisto libri di testo;

- acquisto altro materiale didattico;

- servizi scolastici.

NB. Il beneficiario non è tenuto a produrre documentazione di spesa, ma a conservarla per esibirla in caso di eventuali controlli.


In caso di diversa residenza fra genitore richiedente e minore interessato, si fa riferimento al minore.


Gli studenti residenti in Toscana e frequentanti scuole localizzate in altra regione contermini possono richiedere il beneficio al proprio comune di residenza, salvo che la regione nella cui scuola si è iscritti non applichi il principio di frequenza; in ogni caso il contributo delle due regioni non può essere cumulato.


La domanda può essere presentata solo nel periodo di apertura del bando.



Comune di Cavriglia

Torna in cima alla pagina