Vaccini, un incontro aperto al pubblico per saperne di più

Per giovedì 18 maggio alle 21 presso l'Asilo Nido “Stella Stellina” di Cavriglia, l'Amministrazione Comunale ha promosso un incontro in cui si parlerà di vaccini e del dibattito scaturito a seguito della proposta di legge approvata della Giunta Regionale della Toscana che introdurre la vaccinazione come requisito obbligatorio per l'iscrizione agli Asili Nido e alla Scuola dell'Infanzia. Relatrice del dibattito la dottoressa Maria Teresa Maurello, Direttore del reparto di Igiene e Sanità Pubblica dalla AUSL di Arezzo. L'iniziativa si inserisce nella serie di eventi promossi in occasione dell “Anno del Bambino”
Vaccini, un incontro aperto al pubblico per saperne di più

Tra i vari diritti dei nostri bambini uno dei più importanti, se non il più importante, è il diritto alla salute. Per questo l'Amministrazione Comunale, in sinergia con l'Istituto Comprensivo “Dante Alighieri”, ha promosso per giovedì 18 maggio alle 21 presso l'Asilo Nido “Stella Stellina” di Cavriglia un incontro aperto al pubblico per parlare di vaccini. Una tematica complessa intorno alla quale si è sviluppato un grande dibattito a seguito dell'approvazione, da parte della Giunta Regionale della Toscana, di una proposta di legge secondo cui l'aver effettuato non solo le vaccinazioni obbligatorie, ma anche quelle raccomandate dal Piano nazionale prevenzione vaccinale, costituisca requisito per l'iscrizione agli Asili Nido, ai servizi integrativi per la prima infanzia (servizi che integrano l'offerta del nido: spazio gioco, centro per bambini e famiglie, servizio educativo domiciliare; tra questi servizi non sono comprese le ludoteche) e alla Scuola dell'Infanzia. Ad approfondire i vari temi legati ai vaccini sarà la dottoressa Maria Teresa Maurello, Direttore del reparto di Igiene e Sanità Pubblica della AUSL della Provincia di Arezzo. Per le famiglie del nostro territorio l'incontro rappresenterà un'importante occasione in cui chiarirsi le idee su un argomento di cui, negli ultimi mesi, si è detto e scritto davvero tanto. L'evento rientra nel programma che l'Amministrazione Comunale ha promosso nel corso dell'anno scolastico/educativo 2016/2017, intitolato “Anno del Bamabino”, che ha consentito di riflettere più volte sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza in un percorso intrapreso con il Comitato provinciale Unicef di Arezzo.

Back to Top