Tanti auguri alla Nonna del Valdarno

Adalgisa Mini, nata a Vacchereccia il 1 dicembre 1911, oggi ha compiuto 106 anni. Un traguardo increbile per una donna esempio di coraggio, impegno sociale e forza di volontà.
Tanti auguri alla Nonna del Valdarno

Quando qualcuno supera i cento anni di vita, istintivamente siamo portati a rallegrarcene. La ragione risiede, forse, nel fatto che agli ultracentenari si riconosce il grande privilegio di aver, almeno parzialmente, sconfitto il passare del tempo.
Sicuramente ci è riuscita Adalgisa Mini, la donna più anziana del Comune di Cavriglia e una delle più anziane d'Italia. Nata a Vacchereccia nel lontanissimo 1 dicembre 1911 Adalgisa ha festeggiato i suoi 106anni di vita. Presente alla cerimonia, insieme ad amici e familiari, anche il Sindaco di Cavriglia Leonardo Degl'Innocenti o Sanni che ha consegnato alla “nonna del Valdarno” un mazzo di fiori ed una pergamena per rendere il giusto tributo ad una donna che rappresenta un pezzo di storia di Cavriglia e della nostra comunità. Madre di tre figlie (Anna, Daria e Nadia), Adalgisa durante la sua lunghissima vita è stata un esempio di coraggio, forza di volontà e impegno sociale e civile. Rimasta vedova molto precocemente (suo marito se n'è andato nel 1950) durante la sua terza gravidanza, Adalgisa non si è mai persa d'animo e ha saputo “crescere” con tanti sacrifici una splendida famiglia oggi riunita nel giorno delle 106 candeline. Donna vitale ed estramente attenta e sensibile alle varie iniziative promosse nella frazione di Vacchereccia, Adalgisa ricorda molto bene il 2 giugno 1946, la prima elezione a suffragio universale della storia del nostro Paese, e sa quanto le donne abbiano lottato per ottenere il diritto di voto. Per questo, nonostante il passare degli anni, non è mai rinunciato al suo diritto/dovere di elettore.
Ad Adalgisa vanno i più sinceri auguri del Sindaco e dell'Amministrazione Comunale di Cavriglia con l'auspicio che la sua vita e i valori che l'hanno contraddistinta possano essere un esempio per le nuove generazioni.

Back to Top