Ricercatori di tutto il mondo a Cavriglia per disegnare il futuro delle ex cave di lignite

Ricercatori di tutto il mondo a Cavriglia per disegnare il futuro delle ex cave di lignite

Alcuni vengono dalla Cina, altri dagli Stati Uniti, altri ancora dal Sudafrica. Provengono da ben 18 nazioni diverse i ricercatori dell’Università di Firenze e del Politecnico di Milano, arrivati a Cavriglia nell’ambito del progetto Futur-e promosso da Enel, che acquisiranno “sul campo” tutte le informazioni necessarie per elaborare gli scenari individuati per il futuro dell'ex area mineraria di Santa Barbara nel workshop organizzato lo scorso 25 settembre. Nel loro primo giorno a Cavriglia i giovani hanno conosciuto tutto il nostro territorio. A partire dall’area mineraria dove sono stati accompagnati dai tecnici Enel. Subito dopo il Sindaco Leonardo Degl'Innocenti o Sanni ha accompagnato personalmente i ricercatori in alcuni dei luoghi più emblematici e suggestivi del territorio cavrigliese. Immancabile una visita al Museo Mine, il baluardo sacrosanto della nostra storia, seguita da un passaggio nella superficie dell’area ex mineraria che nel corso degli anni abbiamo già restituito alla nostra comunità e dove adesso sorgono impianti sportivi d’eccellenza come i circuiti polivalenti di Bellosguardo e il campo pratica per attività di Golf con tre buche in località Valle al Pero. Il loro tour di Cavriglia si è chiuso al Parco di Cavriglia, luogo del cuore al centro di un importante progetto di recupero e rilancio. E' impossibile infatti, progettare il futuro senza conoscere il presente ed il passato di un territorio, per questo l’aver visto con i propri occhi questi luoghi sarà sicuramente d’aiuto ai ricercatori che svilupperanno il loro lavoro durante tutto il prossimo semestre universitario. I progetti degli studenti inoltre, verranno anche presentati in una mostra pubblica a Cavriglia nel mese di dicembre, utile per ottenere ulteriori osservazioni e commenti

Back to Top