Motumundi 2020 premia il Nobel Filippo Giorgi

Il 15 ottobre alza il sipario la 1. edizione del festival dedicato a clima e ambiente. Energia e rifiuti al centro dei dibattiti Il sottosegretario Morassut sul palco del Teatro Comunale. A Cavriglia anche Stefano Ciafani e Chicco Testa
Motumundi 2020 premia il Nobel Filippo Giorgi

I cambiamenti climatici, l’educazione ambientale, lo sviluppo ecosostenibile, i 17 UN sustainable development goals e la plastic free sono alcuni degli argomenti della 1. edizione del festival su clima e ambiente denominato Motumundi (www.motumundi.it) che si svolgerà, dal 15 al 18 ottobre 2020, in Toscana.

 

Il festival avrà come principale sede degli eventi Cavriglia, in provincia di Arezzo, ma si articolerà anche a Firenze, Pisa e Siena. Si tratta di una manifestazione che si sviluppa attraverso dibattiti, conferenze, workshop e laboratori nel rispetto delle disposizioni in materia di prevenzione del contagio da Covid-19, nonché di quelle inerenti il rischio di diffusione. Gli appuntamenti sono sia in forma partecipata aperta al pubblico sia con partecipazione in forma remota tramite piattaforme on-line. L'evento è ideato e promosso dalla Vitale Onlus (www.vitaleonlus.it) in partnership con il Comune di Cavriglia e con il sostegno di CSAI (Centro Servizi Ambiente Impianti) ed Enel.

 

All’edizione 2020 di Motumundi è annunciata la presenza, tra gli altri, del sottosegretario all’Ambiente e della tutela del territorio e del mare Roberto Morassut, del presidente della Giunta Regionale Toscana Eugenio Giani, del presidente di Legambiente Stefano Ciafani, di Chicco Testa e ancora del direttore generale dell’Osservatorio Geofisico Sperimentale Paola Del Negro, Mounir Ghribi, direttore della Cooperazione internazionale OGS, della giornalista dell’Espresso Floriana Bulfon, Jacopo Giliberto de Il Sole 24 ore, Katiuscia Eroe, responsabile Energia di Legambiente, della cinese Linfang Dong, presidente della Silk Council e Luigi Carmignani, per lunghi anni alla guida del Centro di GeoTecnologie dell’università di Siena, l’unico campus universitario in Europa interamente dedicato alle attività formative, di ricerca e di consulenza nell’ambito delle Geotecnologie.

 

L’evento, che gode della media partnership di ANSA (Agenzia Italiana Stampa Associata), La Nazione e dell’emittente televisiva RTV 38, vedrà anche la consegna del Premio Motumundi 2020 al climatologo Filippo Giorgi, membro del board del comitato vincitore del premio Nobel per la Pace Ipcc 2007 insieme ad Al Gore. Giorgi è l’unico scienziato italiano presente nell’organo esecutivo del Comitato intergovernativo per i cambiamenti climatici dell’Onu, ed è stato uno degli autori del secondo e del terzo rapporto sui mutamenti climatici nel mondo.

 

«L'obiettivo del festival è accendere i riflettori sulla necessità di un cambiamento culturale in ambito ambientale – ha spiegato Roberto Vitale, presidente e direttore artistico di Motumundi - un ambiente che deve essere salvaguardato, tra l’altro, con una corretta produzione di energia e una politica che abbia prioritaria la sostenibilità».

 

Un cambiamento culturale, dunque, di cui dibattere in un palcoscenico naturale unico in Italia come quello di Cavriglia, un territorio per lunghi anni interessato dall’attività estrattiva di lignite, un fazzoletto verde toscano del Valdarno noto come Porta del Chianti e baricentrico tra Arezzo, Siena e Firenze che oggi, in parte, è stato restituito alla collettività, mentre su un’altra parte è in atto uno dei più grandi progetti, a livello nazionale, di riqualificazione ambientale.

 

Cavriglia è anche un'eccellenza nazionale nel campo delle energie rinnovabili, ed è stata inserita da Legambiente in una speciale classifica che premia i 100 Comuni più virtuosi nel campo delle energie rinnovabili. Un obiettivo frutto di investimenti che, attraverso canoni concessori o risparmi sulle bollette energetiche, da anni si traducono in importanti risorse economiche che garantiscono ai cittadini cavrigliesi una pressione fiscale tra le più basse in Toscana.

 

«Cavriglia saluta con favore il festival su clima e ambiente Motumundi, come motivo di orgoglio è il riconoscimento di Legambiente – ha commentato il sindaco Leonardo degl’Innocenti O Sanni – Sia con il premio ricevuto da Legambiente sia con il festival Motumundi, che è stato scelto di fare a Cavriglia, viene premiato un lavoro partito nel tempo grazie a una visione green che ci ha consentito di essere un'eccellenza nazionale. Non lo consideriamo, però, un punto di arrivo quanto in realtà un punto di partenza che ci suggerisce, anche nei prossimi anni, a investire al meglio le risorse economiche».

 

Le principali location del festival sono il teatro comunale di Cavriglia, l’auditorium del Mine, il museo delle miniere e del territorio a Castelnuovo dei Sabbioni, il Centro di GeoTecnologie dell’Università di Siena, la sala Margherita Hack del centro di formazione per le energie rinnovabili di Fimer che si trova nell'area di Bellosguardo davanti al parco fotovoltaico di Tegolaia, nonché i laboratori del Centro Servizi Ambiente Impianti. Oltre al Centro di GeoTecnologie dell’Università di Siena, saranno accese delle collaborazioni con il Corecom della Toscana presieduto da Enzo Brogi, e le principali università italiane ed estere, nonché con l’Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale (OGS), l’International Centre for Theoretical Physics (ICTP) e The World Academy of Science (TWAS).

 

Sul palco di Mutumundi sono annunciati anche i giornalisti Tiziana Ferrario, storica corrispondente Rai da New York, il Premio Luchetta Daniele Bellocchio, Angelo Cimarosti, fondatore di YouReporter, il corrispondente De Telegraaf Maarten van Aalderen, nonché la giornalista del Tg2, Christiana Ruggeri con il suo ultimo libro “Greta e il pianeta da salvare” che, al festival Motumundi, sarà uno strumento di lavoro per la sensibilizzazione delle scolaresche sulla necessità di rispettare l’ambiente.

 

«I cambiamenti climatici non sono un problema del futuro, ma – ha aggiunto Vitale - sono un’emergenza del presente». «I cosiddetti eventi estremi come alluvioni, ondate di calore e siccità stanno, infatti, aumentando in diverse parti del mondo generando danni economici e non solo – ha ricordato Filippo Boni, assessore alla Cultura del Comune di Cavriglia e fautore del festival Motumundi - Secondo gli scienziati, il Pianeta si sta riscaldando, e le attività dell’uomo, in particolare modo la combustione di carbone, gas e petrolio, sono la causa principale. Una causa su cui abbiamo l’obbligo di accendere i riflettori».

 

All’interno di Motumundi è istituita, altresì, una scuola di sensibilizzazione ambientale interdisciplinare. Ne fanno parte, tra gli altri, studenti, ricercatori, docenti, imprenditori e rappresentanti istituzionali. I partecipanti denominati Motumundians seguono, sotto l’egida del comitato scientifico, dei workshop giornalieri divisi in classi che li raggruppano senza tener conto della loro professione: l’obiettivo è far lavorare insieme persone con diverse esperienze dottrinali e professionali.

 

Motumundi gode anche di un comitato d'onore per dare risalto al prestigio della manifestazione e di un comitato scientifico The Motumundian Committee for Climate Protection che è composto da ricercatori, professori, studenti, imprenditori “verdi”, rappresentanti delle istituzioni e membri delle associazioni per la tutela dell’ambiente. Nello specifico, svolge un costante lavoro di studio avvalendosi anche della Citizen Science per produrre un report da offrire alla Comunità Scientifica Internazionale, quale “manifesto” del festival Motumundi. L’intero festival è un laboratorio di analisi e ricerca per il comitato scientifico, e, in tal senso, ricopre un ruolo guida nella Climate Protection/Motumundian Academy, poiché i membri sono docenti e ricercatori allo stesso tempo.

Back to Top