Il matrimonio è tornato di moda

Primo tavolo di lavoro sul prodotto “Wedding” per l'Ambito Turistico Valdarno. A Cavriglia dal 2016, anno in cui la celebrazione dei matrimoni civili è stata estesa anche alle strutture ricettive, le coppie che hanno scelto il nostro territorio per il fatidico sì sono raddoppiate
Il matrimonio è tornato di moda

Da qualche anno si sente parlare spesso del “ritorno del sì”, una tendenza nazionale secondo cui il numero di matrimoni sarebbe in aumento. Di questo si è parlato nel primo tavolo di lavoro dell’Ambito Turistico Valdarno sul prodotto “wedding” promosso a Terranuova Bracciolini con “Toscana Promozione Turistica”, “Firenze Convention & Visitors Bureau” e “Centro Studi Turistici di Firenze”. I numeri dei matrimoni celebrati nella nostra vallata sono in costante aumento e Cavriglia non fa eccezione. Con l'arrivo della primavera e della bella stagione, nelle prossime settimane saranno tanti i matrimoni civili celebrati nelle “Case Comunali” e nelle strutture ricettive. Oltre alla Sala del Consiglio Comunale del Municipio di Viale Principe di Piemonte e l'Auditorium del Museo MINE nel vecchio borgo di Castelnuovo dei Sabbioni infatti, dal 2018 figurano nell'elenco dei luoghi convenzionati per la celebrazione anche Villa Barberino di Meleto Valdarno, La Forra, Podere Vecciale, Il Cortile di Pratolino a Montegonzi e Podere Belvedere de La Selva. La possibilità del “matrimonio in villa” ha favorito la crescita delle celebrazioni a tal punto che oggi, rispetto al 2016, le coppie che hanno scelto Cavriglia per il fatidico sì sono pressoché raddoppiate.
Il matrimonio civile è da sempre anche una sorta di “vetrina” per alcuni degli edifici e ville di particolare valore storico, architettonico, artistico e paesaggistico presenti nel nostro territorio e motore di un indotto fondamentale per la promozione turistica locale.
La crescita del numero di riti civili, soprattutto quelli celebrati in villa, sta andando di pari passo all'aumento delle presenze turistiche registrato negli ultimi anni a Cavriglia, ormai stabilmente il comune con la maggiore affluenza tra quelli del comprensorio del Valdarno aretino. Un “boom” frutto anche degli investimenti e dei progetti portati avanti dall'Amministrazione Comunale per creare un’offerta di qualità adeguata, nei servizi, agli standard nazionali e internazionali e di promuovere, al contempo, il territorio e l’offerta turistica con metodi e strumenti adatti. Un percorso avviato da tempo nel quale si è inserita la costituzione dell'Ambito Turistico del Valdarno, nato con lo scopo di gestire in forma associata i servizi di accoglienza, informazione e promozione della propria area in sinergia con la Regione che metterà a disposizione strumenti e supporto, oltre a permettere agli stessi comuni di poter concorrere alla distribuzione dei finanziamenti messi a disposizione per la promozione.

Back to Top